`Sleepless Nights / Lysergic Mornings´ // `Impressioni organizzate di ansie liquide´

Autore disco:

Andrea Marutti // Andrea Marutti & Carlo Giordani

Etichetta:

Ta lem (B) // Ta lem (B) + St.An.Da. (I)

Link:

www.taalem.com/
store.silentes.it/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2019 // 2020

Titoli:

1) A Cypher For Glitchbusters 2) Peter`s Psychedelic Breakfast // 1) Parte I - Furia e abbandono / 1) Parte II - Ansia e sollievo 2) Parte III - Attesa

Durata:

21:34 // 21:55 / 74:22

Con:

Andrea Marutti // Andrea Marutti, Carlo Giordani

una collaborazione in grado di creare la scintilla vincente

x mario biserni (no ©)

Era da qualche anno che non mi giungevano notizie da Andrea Marutti, tanto da far pensare a un abbandono della scena musicale. Ma, come suol dirsi, il lupo perde il pelo ma non il vizio, ed ecco il bardo milanese levar lo scudo e lancia in resta chiamare il suo popolo a raccolta: hey gente, sono qui. E sono ben tre i nuovi dischi che ci propone, un mini CD in solitudine, dove par di cogliere fra le righe un non troppo velato omaggio ai Pink Floyd, e un`accoppiata CD + mini CD che raccoglie un`ambiziosa collaborazione in tre parti con Carlo Giordani. Il ricordo che ho di Marutti, tramandato anche da qualche esibizione in concerto e da progetti come Amon e Never Known, è quello di un musicista dedito a un dark ambient influenzato da sonorità space, progressive e cosmiche. Una musica, la sua, tutto sommato piuttosto sontuosa e romantica. Il disco in collaborazione con Fausto Balbo, uscito una decina d`anni fa, aveva comunque rappresentato per Marutti una piccola svolta e oggi, se pure il Marutti solitario di “Sleepless Nights / Lysergic Mornings” occhieggi al periodo pre-Balbo, nei dischi in collaborazione con Giordani il suono pare assottigliato, mentre il digitale volge al concreto, laddove i disturbi e gli inserimenti di materiali elettroacustici abbelliscono i suoni sintetici, offrendo piccole sorprese e generosi spruzzi di calore.
Speriamo di poter ascoltare questi artisti più spesso e, visti gli ottimi risultati, speriamo che i fuochi di questa collaborazione trovino altro carburante in grado di tenerne viva la fiamma.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 21/6/2021

`Aterraterr´  

`Katacombe Vol. 3´  

`In Vivo´  

`Eight Pieces For The Buchla 100 Series´  

`Cabrioles cérébrale et accidents psychotiques´  

`2013 – 2021 dal diario di Luigi La Rocca, Cittadino´  

`A Secret Code´ // `Echolocation´  

`Avvolgistanti´  

`Elements´  

`Blues Pour Boris´  

`The Other Lies´  

`Kora´  

`Over The Ridge´  

`Nut´  

`Medusa Dreaming´  

`Melancholia´ // `Cure And Mound´  

`Justinian Intonations´  

`Transmitter´  

`Fernweh´  

`Totale!´  

`Post Jazz Chamber Music´  

`Pulsioni Oblique Vol. 2´ // `Hardboiled´  

`Cirrus´  

`Saca Los Cuernos al Sol´  

`Approximately Grids With A Plan´  

`Eris I Dysnomia´ // Ixtlahuaca´ // ‘Box Of Black´  

`Beats The Plague´  

`Parallelism´  

`Mother Afrika´  

`Non Dweller´ // `Erosion´  

`Music For A Different Room´  

`Thrīe Thrēo Drī ´  

`Reverse Drift / Reverse Charge´  

`An Established Color And Cunning´  

`Postcard From A Trauma´  

`Notturno´  

‘Nova esperanto (l’album perduto del 2006)´  

`Duo Sutera Novali´  

`Absum´  

`Convex Mirrors´  

`Township Nocturne´  

`Let It Fall´// `Does The Moon Not Dream´  

`Special Adaptations Volume 1´  

`Kranenburg Tree´  

`Nothing´  

`Subtle Matters´  

`WE3´  

`Solos And More At Studio 304´  

`Bureau´  

`Dawn Ceremony For Dreadful Days´  

`Der Verboten´  

`Two Sing Too Swing´ // `Two Creams Too Scream´  

`Monólogos a Dois´ // `Solo Acoustic Guitar Improvisations I´  

`Jar’a´  

`Altbüron´