`Fellini 100 I Compani 35´

Autore disco:

I Compani

Etichetta:

icdisc.nl (NL)

Link:

www.icompani.nl
www.youtube.com/watch?v=YYGLp7JhdEY

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2020

Titoli:

1) Milano e Nadia 2) De Sprong o Romantiek der Hazen 3) Il Bidone 4) Maar Nooit Vergeten 5) Mantide Religiosa 6) Charleston di Giulietta 7) Jojo Jive 8) Otto e mezzo - suite 9) Pietà ti prenda dal mio dolor 10) Tango delle capinere

Durata:

65:59

Con:

Aili Deiwiks, Friedmar Hitzer, Saskia Meijs, Paul Vlieks, Arjen Reeser, Bo Van De Graaf, Frank Nielander, Inga Rothammel, Gert Wantenaar, Leo Bouwmeester, Guus Janssen, Kees Molhoek, Arjen Gorter, Carel Van Rijn, Rob Verdurmen, Thomas Jaspers, Peter Freijsen, Serena Jansen, Julia Heider, Duo Naaistreek (Joël van Lith e Janneke Baltuses), Martijn Grootendorst

Fellini, Rota, I Compani e molto altro

x mario biserni (no ©)

Il centenario dalla nascita di Fellini non è stato celebrato solo a Rimini. Il sassofonista e bandleader olandese Bo Van De Graaf ha approfittato dei concomitanti 35 anni di vita dei suoi Compani per allestire uno spettacolo sontuoso. Sul palco ci stavano diciotto strumentisti, con violini viola tromba trombone sassofoni fisarmonica tastiere bassi percussioni e cantanti, coadiuvati da un VJ, una danzatrice e due performer. La parte del leone, a livello di musiche, era riservata chiaramente a Nino Rota, in parte arrangiato dallo stesso Van De Graaf e in un caso da Carla Bley, ma c`era spazio anche per altri autori. In questo CD, tratto dallo spettacolo, figurano anche pezzi firmati da Misha Mengelberg, Guus Janssen, Giuseppe Verdi e Cesare Andrea Bixio, in un carosello che non fa distinzione fra autori di serie a e di serie inferiori (ammesso che questa distinzione esista). Un autentico circo anche se, purtroppo, il CD è destinato a riprodurre solo in parte la ricchezza dello spettacolo (la lussuosa confezione, doviziosa di immagini, riesce comunque a dare una buona idea). Pezzo da novanta del disco è Maar Nooit Vergeten, una suite in 4 parti scritta da Bo Van De Graaf per una fondazione socialita che termina sulle note della notoria El Pueblo Unido Jamás será vencido di Sergio Ortega. Impeccabili, come sempre, I Compani.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 1/5/2021

`Beats´ // `Phylum´  

`Schwingende Luftsäulen 3´  

`Room For The Moon´ // `Гибкий график´  

`Electric Music´  

`Jin-Brebl-Concert´  

`Kavel´  

`Libertè Égalitè Fraternité´  

`La signora Marron´  

`Live´ // `An Evening In Houston´  

`Archytas Curve´  

`Oltre il cielo alberato´  

`Alimurgia´  

`La Chiamata´  

`Ritual For Expansion´  

`Sketches For Violin And Vinyl´  

`Isopleths´  

`Take The Long Way Home´  

`Strell´  

`Music For Organ´  

`Brittle Feebling´  

`Materia´ // `Triptych (Tautological)´  

`Uncle Faust´  

`Frankenstein´  

`Beyond The Tranceries´  

`Don`t Worry Be Happy´  

`Infected Burst´  

`Tracce XX´  

`Spime 2019´  

`The Hovering´  

`Canto Fermo´  

`Anasyrma´  

`Live´  

`Colmorto´  

`Vocabularies´  

`Blue Horizon´  

`Namatoulee´  

`Passato, presente, nessun futuro´  

`Liquid Identities´  

`Out For Stars´  

`Collera City´  

`Harraga´  

`Rumpus Room´  

`CEPI Meets HIC´  

`Prèludes´  

`The Last Five Minute´  

`Left Hand Theory (Live At Il Torrione)´  

`Collectable Items´  

`Duos & Trios´  

`Sleepless Nights / Lysergic Mornings´ // `Impressioni organizzate di ansie liquide´  

`L`inizio della neve´  

`Another Year Is Over, Let`s Wait For Springtime´  

`Memory Loss´  

`Other Colors´  

`Ebbs And Flow´ // `Staggered Twisted Angled´  

`Live In Pisa´