`Celante´

Autore disco:

Patrizia Oliva

Etichetta:

Setola di Maiale (I)

Link:

www.setoladimaiale.net

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2019

Titoli:

1) Larila 2) Three Months 3) Skyline Troop 4) Mezza Stanza 5) Be At East 6) Roare Myth 7) Blue Beduin 8) Cosa sono le nuvole

Durata:

33:14

Con:

Patrizia Oliva, Tommaso Marletta

al di fuori del nuovo mainstream

x mario biserni (no ©)

Patrizia Oliva ha alle spalle una storia incredibile, a partire da quando imbastì le fondamentali Allun in compagnia di altre tre suffragette della trasgressione in ambito sonoro. Dopo un lungo viaggio costellato da variopinti progetti e collaborazioni, approda ora a questo lido fatto di canzoni su testi propri (ad eccezione di Mezza Stanza, che proprio canzone non è, e di Cosa sono le nuvole, che utilizza un testo di Pasolini a suo tempo già cantato da Modugno). In realtà la saldatura con la produzione precedente è molto più avvinta di quanto le mie parole possano far credere, in quanto i testi guarniscono dei sottofondi surrealisti che, comunque, si allineano con le sue realizzazioni passate. E` come se il Robert Wyatt di “End Of An Ear” andasse a fondersi con quello successivo agli anni Ottanta. La voce, in verve molto confidenziale, fa invece pensare soprattutto a Jeanne Lee e, nella canzone cantata in italiano, a Mina. Non voglio con ciò farvi credere che “Celante” è un capolavoro assoluto e un disco epocale, lascio ad altri queste iperboli, ma sicuramente si tratta di un bel disco, realizzato da un`artista onesta, che si lascia ascoltare con estremo interesse e riserva diverse sorprese. Ben più di tanti dischi osannati da cani e porci, presentati come capolavori e che invece, a un ascolto neanche troppo attento, sono semplicemente ridicoli (ad esempio “Ghosteen” di Nick Cave, nelle cui valutazioni di fine anno si stende un`inquietante ombra di payolismo). In cinque degli otto titoli la Oliva è affiancata dal synth di Tommaso Marletta (che si occupa anche degli arrangiamenti e di altri aspetti tecnici). Se siete delusi dalle schifezze del nuovo mainstream questo è il disco che fa per voi. Approfittatene.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 12/2/2021
  Torna al Menù Principale
 Archivio dell'anno 2021 ...

`Live In Pisa'  

`Colorless Green Ideas Sleep Furiously´  

`D C´  

`Kaczynski Tape Sessions - The Urban Tape´  

`Laylet el Booree´  

`Devotion´ // `Kammern I-V´ // `As If You Were Here´ // `Glassware´ // `Kimmig - Studer - Zimmerlin And George Lewis´  

`Live At B-Flat´  

`Sul Filo´  

`Celante´  

`Busy Butterflies´  

`The Next Wait´  

`Awake´ // `Timewise´  

`Wood(Winds) at Work´  

`The Whole Thing´  

`Poem Pot Plays Pantano´  

`Composition O´  

`είμαρμένη´ // `Kaczynski Tape Sessions - The Commercial Tape´  

`L`inizio della neve´  

`Left Hand Theory (Live At Il Torrione)´  

`Ebbs And Flow´ // `Staggered Twisted Angled´  

`Another Year Is Over, Let`s Wait For Springtime´  

`Fellini 100 I Compani 35´  

`Memory Loss´  

`Other Colors´  

`Collectable Items´  

`Duos & Trios´  

`Sleepless Nights / Lysergic Mornings´ // `Impressioni organizzate di ansie liquide´  

`Rumpus Room´  

`CEPI Meets HIC´  

`Prèludes´  

`The Last Five Minute´  

`Out For Stars´  

`Collera City´  

`Harraga´  

`Namatoulee´  

`Passato, presente, nessun futuro´  

`Liquid Identities´  

`Vocabularies´  

`Blue Horizon´