`Examination Of The Eye Of A Horse´

Autore disco:

MoE

Etichetta:

ConradSound (N), Wallace Records (I)

Link:

www.conradsound.com
www.wallacerecords.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2016

Titoli:

1) Realm Of Refuge 2) Saccades And Fixations 3) Paris 4) Wild Horses 5) Doll`s Eyes 6) Letters Of Pliny

Durata:

34:16

Con:

Guro Skumsnes Moe, Håvard Skaset, Joakim Heibø Johansen, Kohei Gomi (Pain Jerk), Ane Marthe Sorlien Hølen, Ole-Henrik Moe e Kari Rønnekleiv (Sheriff Of Nothingness)

melvinsmania

x mario biserni

La Wallace di Mirko Spino è sempre stata un faro all`interno della produzione indipendente italiana. Mi azzardo ad affermare che se non ci fosse stata la Wallace a dimostrare la fattibilità di certe produzioni ultra-underground moltissimi artisti non avrebbero avuto la possibilità di far conoscere la propria musica.
L`impegno di Mirko Spino, non solo imprenditoriale ma anche sociale e politico (nel senso serio e reale del termine), lo ha portato a rinchiudersi all`interno del panorama nazionale laddove avrebbe potuto investire in modo economicamente più proficuo su nomi esteri. Ma l`integrità morale del personaggio è tale da avergli sempre impedito, a differenza della maggioranza di coloro che gravitano intorno al pianeta musica (discografici, giornalisti, promoter e, spesso, musicisti stessi), di agire con gli occhi incollati al portafoglio.
L`alta qualità delle non molte pubblicazioni dedicate ad artisti stranieri dimostrano che Mirko possiede lo stesso fiuto e la stessa competenza che hanno permesso a etichette simili alla Wallace - tipo Touch & Go, Drag City e Dischord - di far lievitare il loro conto in banca. Ultimo esempio i norvegesi MoE guidati dalla bassista Guro Skumsnes Moe, femmina dall`incredibile voce mascolina, e completati dal chitarrista Håvard Skaset e dal batterista Joakim Heibø Johansen, tutti altrimenti impegnati nella cerchia delle musiche sperimentali e improvvisate.
La musica del trio è un grunge tellurico, metallico e incandescente, che sembra subire anche l`influsso di certo noise giapponese e che si cala perfettamente in quella scena norvegese che ruota intorno a gruppi ibridi come gli Ultralyd (la Skumsnes Moe condivide con Frode Gjerstad il progetto Sekstett). La velocità massimalista di Handers Hana è però qui rivista in termini di lentezza minimale.
Ho recentemente letto su internet, scritto da tal Gabriele Antonucci di Panorama, l`ennesimo necrologio per la musica rock (prendendo spunto dalla scomparsa di Bowie, Prince, Cohen ... e altri): «Mentre è incerta la nascita del rock, tra chi sostiene che sia avvenuta nel 1954 e altri che la attribuiscono al 1956, quando Elvis Presley ha pubblicato il suo album d`esordio, c`è il rischio che questo 2016 passi alla storia come l`anno della morte di questo genere musicale». Mi permetto di inserirmi precisando che a morire caso mai è un certo tipo di rock, quello edulcorato delle grandi cifre (probabilmente l`Antonucci conosce solo quello), ma fino a che restano in circolazione gruppi come questi MoE, e finchè esisteranno etichette discografiche come la Wallace, il rock più schietto e viscerale, quello che da oltre mezzo secolo ci fa battere il cuore e fremere la pelle, è ben lungi dall`esalare l`ultimo respiro.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 21/9/2017
  Torna al Menù Principale
 Archivio dell'anno 2017 ...

`Cartridge Music (musica per testina)´ // `Nassau 1713´  

`Sensorium´  

`Drowning In Wood´  

`Malo´ // `Sacrée Obsession´  

`Veiled´  

`Dimensioni´ // `Parallelo´  

`Live At La Resistenza´  

`Spannung´  

`Flawless Dust´ // `Scenes From A Trialogue´  

`Črne Vode / Black Waters / Schwarze Wasser´ // `Let Them Grow´  

`ﺭﺍﺩﻳﻮ ﺇﺯﺩﺍﻍ´ // `Es Prohibido Cantar´  

`Pow´  

`Place´  

`Carrion, My Wayward Son ...´  

`Maledetta Dopamina´  

`Uno Todo Tres´  

`The Galilean Moons´  

`Dancing Trees´  

`Il Ballo dell`Orso´  

`Reverse Camouflage´  

`For Arthur Doyle´ // `Osing Trance - Musik Patrol´  

`Tape Crash #12´  

`Offshore Zone´  

`Andante Plumbeo´  

`Volume 3´  

`Kali Yuga´ // `Le filtre à sons - Vol. 1´  

`Reliquies´  

`Unbehagen´  

`D`ora stella´  

`Zero Brane´  

`Witch´ // `The Golden Calf´ // `Il vespaio´  

`New York City´ // `Gaycre (2)´ // `Demain, c`est Paris-Roubaix´  

`Alegrìas y duelos de mi alma´  

`Silent People´  

`Circles Of Upper And Lower Hell´  

`A Tree, At Night´ // `Prima del terzo´ // `Heavy Nichel´ // `Taken From A True Story´  

`Honey Ant Dreaming´ // `Reverie´ // `Warm Glow´ // `Bliss´  

`Calce´ // `5 Haiku´  

`The Exodus Suite´  

`A Beat Of A Sad Heart´  

`Chamber Rites´  

`Numen - Life Of Elitra Lipozi´  

`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´  

`Zurich Concerts (15 Years Of Kontrabassduo Studer-Frey)´  

`Tape Crash 14´ // `Tape Crash 15´  

` ncora´  

`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´  

`Chi va piano va già troppo veoce (Sulla lentezza del bradipo)´  

`Hoverload´ // `{}´  

`Arpe Eolie´ // `Ragionamenti musicali in forma di dialogo: X e XII´  

`Ho perso la testa´ // `Musica per autoambulanze´  

`The Stabbing´ // `Acephale´ // `in Fin dei Corpi´  

`Autotrophy´  

`Farfalle e Falene´  

`Eagle Prayer´  

`Méthodologie Contextuelle´ // `Sequenze per raffigurazioni mentali #1´  

`Creatura´  

`City Of Vorticity´  

`Vostok´  

`Appartamento in centro´  

`KIKEΩN´  

`Primio´  

`Examination Of The Eye Of A Horse´  

`Bad Habits´  

`Hypno-pop´  

`Dieci´ // `La porta stretta´  

`Fabuloseries´  

`Awake´  

`Way´  

`Apnea´  

`Rumore austero´ // `Sitcom Koan´ // `Maps And Mazes´  

`Beyond Time´  

`Zentuary´ // `Pasar Klewer´  

`Silentium´  

`Prossime trascendenze´  

`Live Spomen Dom´  

`The White Side, The Black Side´  

`Variazioni Gracchus´  

`The Miracles Of Only One Thing´  

`Become Zero´  

`Right Error´  

`Traum´  

`Re-Birth´  

`Le nove ombre del caos´  

`Les Ravageurs´  

`Falling Apart´  

`Coriandoli´  

`Divus´  

`Learn To Live´  

`Il De` Blues´ // `Sì´  

`Menhir´  

`Un incubo stupendo´