`A Beat Of A Sad Heart´

Autore disco:

Jester At Work

Etichetta:

M.i.l.k. (I)

Link:

www.jesteratwork.com/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2016

Titoli:

1) Behind The Wall 2) Me And Gracie 3) People Lie 4) Bold 5) Lighthouse Man 6) Sad Heart

Durata:

20:19

Con:

Antonio Vitale, Alessio D`Onofrio, Matteo `Molecola` Di Marcoberardino, Mauro Del Papa, Andrea De Leonardis, Gracie

Pescara ... nelle foreste dell`Oregon

x cosima buongiorno (no ©)

Per prima cosa gettate un occhio alla bella confezione. L`autore, barba massiccia e chitarra in mano, suona la sua serenata seduto su un masso che, a ben vedere, non è un masso ma una specie di mostruosità rosa ...
Intorno a lui foreste, prati e montagne, sullo sfondo il mare con relativo faro e, a completare il `quadro`, una lepre, uno scheletro che corre (il cane Gracie?), un occhio con le ali (Dio?) e, ai margini del bosco, un`inquietante donzella.
Si tratta di un`immagine che può evocare il mondo fantastico di “Alice nel paese delle meraviglie” cosiccome un paesaggio nel nord della west coast americana (magari dell`Oregon).
Il folk singer boschivo che si cela dietro tutto ciò, e dietro la sigla Jester At Work, è in realtà il pescarese Antonio Vitale (in passato nei Warm Morning 616). “A Beat Of A Sad Heart”, un mini CD la cui durata si aggira intorno ai 20 minuti, è un disco piuttosto vario che può interessare a un pubblico ben più ampio di quello accalappiabile dalla splendida copertina (il disegno è opera di Andrea Ciccotelli).
In realtà i brani d`apertura e chiusura (Behind The Wall e Sad Heart) sono ballate acustiche cantate con voce profonda che rispecchiano pienamente l`idea bucolica del cantautore waldeniano.
Lighthouse Man è invece una filastrocca più stonata che potrebbe appartenere ai repertori di Beck, Syd Barrett o Alexander `Skip` Spence.
In Bold sembra poi di entrare in uno scenario blues-psichedelico di fine anni Sessanta.
Me And Gracie è praticamente uno strumentale, onirico e finemente orchestrato (il mellotron è di Alessio D`Onofrio).
People Lie è infine il brano più stupefacente: sempre devotamente lisergico, seppure in questo caso le atmosfere siano elettriche e urbane, mentre la voce si produce in un recitato dai caratteri notturni (le atmosfere in questo caso sono più psycho che psiche).
“A Beat Of A Sad Heart”, come già vi ho già detto, è un dischetto apprezzabile da svariati palati.
Approfittatene.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 14/4/2017
  Torna al Menù Principale
 Archivio dell'anno 2017 ...

`Cartridge Music (musica per testina)´ // `Nassau 1713´  

`Sensorium´  

`Drowning In Wood´  

`Malo´ // `Sacrée Obsession´  

`Veiled´  

`Dimensioni´ // `Parallelo´  

`Live At La Resistenza´  

`Spannung´  

`Flawless Dust´ // `Scenes From A Trialogue´  

`Črne Vode / Black Waters / Schwarze Wasser´ // `Let Them Grow´  

`ﺭﺍﺩﻳﻮ ﺇﺯﺩﺍﻍ´ // `Es Prohibido Cantar´  

`Pow´  

`Place´  

`Carrion, My Wayward Son ...´  

`Maledetta Dopamina´  

`Uno Todo Tres´  

`The Galilean Moons´  

`Dancing Trees´  

`Il Ballo dell`Orso´  

`Reverse Camouflage´  

`For Arthur Doyle´ // `Osing Trance - Musik Patrol´  

`Tape Crash #12´  

`Offshore Zone´  

`Andante Plumbeo´  

`Volume 3´  

`Kali Yuga´ // `Le filtre à sons - Vol. 1´  

`Reliquies´  

`Unbehagen´  

`D`ora stella´  

`Zero Brane´  

`Witch´ // `The Golden Calf´ // `Il vespaio´  

`New York City´ // `Gaycre (2)´ // `Demain, c`est Paris-Roubaix´  

`Alegrìas y duelos de mi alma´  

`Silent People´  

`Circles Of Upper And Lower Hell´  

`A Tree, At Night´ // `Prima del terzo´ // `Heavy Nichel´ // `Taken From A True Story´  

`Honey Ant Dreaming´ // `Reverie´ // `Warm Glow´ // `Bliss´  

`Calce´ // `5 Haiku´  

`The Exodus Suite´  

`A Beat Of A Sad Heart´  

`Chamber Rites´  

`Numen - Life Of Elitra Lipozi´  

`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´  

`Zurich Concerts (15 Years Of Kontrabassduo Studer-Frey)´  

`Tape Crash 14´ // `Tape Crash 15´  

` ncora´  

`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´  

`Chi va piano va già troppo veoce (Sulla lentezza del bradipo)´  

`Hoverload´ // `{}´  

`Arpe Eolie´ // `Ragionamenti musicali in forma di dialogo: X e XII´  

`Ho perso la testa´ // `Musica per autoambulanze´  

`The Stabbing´ // `Acephale´ // `in Fin dei Corpi´  

`Autotrophy´  

`Farfalle e Falene´  

`Eagle Prayer´  

`Méthodologie Contextuelle´ // `Sequenze per raffigurazioni mentali #1´  

`Creatura´  

`City Of Vorticity´  

`Vostok´  

`Appartamento in centro´  

`KIKEΩN´  

`Primio´  

`Examination Of The Eye Of A Horse´  

`Bad Habits´  

`Hypno-pop´  

`Dieci´ // `La porta stretta´  

`Fabuloseries´  

`Awake´  

`Way´  

`Apnea´  

`Rumore austero´ // `Sitcom Koan´ // `Maps And Mazes´  

`Beyond Time´  

`Zentuary´ // `Pasar Klewer´  

`Silentium´  

`Prossime trascendenze´  

`Live Spomen Dom´  

`The White Side, The Black Side´  

`Variazioni Gracchus´  

`The Miracles Of Only One Thing´  

`Become Zero´  

`Right Error´  

`Traum´  

`Re-Birth´  

`Le nove ombre del caos´  

`Les Ravageurs´  

`Falling Apart´  

`Coriandoli´  

`Divus´  

`Learn To Live´  

`Il De` Blues´ // `Sì´  

`Menhir´  

`Un incubo stupendo´