`The Exodus Suite´

Autore disco:

Gemma Ray

Etichetta:

Bronze Rat (GB)

Link:

bronzerat.com/
gemmaray.tv/

Formato:

CD, LP, DL

Anno di Pubblicazione:

2016

Titoli:

1) Come Caldera 2) There Must Be More Than This 3) The Original One 4) We Do War 5) Ifs & Buts 6) We Are All Wandering 7) Acta Non Verba 8) Hail Animal 9) The Switch 10) The Machine 11) Shimmering 12) Caldera, Caldera!

Durata:

52:08

Con:

Gemma Ray, Andrew Zammit, Fredrik Kinbom, Carwyn Ellis

un`autrice da spartiacque

x mario biserni (no ©)

Ammetto di non conoscere alcuno dei sette dischi di Gemma Ray che hanno preceduto questo “The Exodus Suite”, quindi quanto scrivo di seguito non tiene conto di quelli che, all`interno della discografia di un`artista, sono i sempre interessanti aspetti evolutivi. Nella sua discografia, tra l`altro, fa bella mostra di sè anche un singolo del 2011 insieme agli Sparks.
La Ray, almeno stando al CD che sto recensendo, è una musicista di frontiera o, meglio ancora, da spartiacque.
Il suo sound sembra infatti calarsi amabilmente in quel punto di passaggio fra psichedelia e progressive. Lei stessa sembra combattuta fra l`immagine della rock-band (Ifs & Buts) e quella della cantautrice (The Switch). Altri pertugi nei quali la inserirei sono quelli che stanno fra blues urbano e folk bucolico e fra southern rock americano e primo hard rock inglese.
La sostanza delle canzoni, i riff e gli a solo tirano verso la psichedelia mentre alcuni arrangiamenti, alcune strutturazioni più complesse e l'uso delle tastiere (anche il mellotron) volgono decisamente in direzione del primo progressive.
La scrittura è sciolta e le canzoni non presentano particolari spigolature, andando a rievocare a tratti il mood di pagine ormai storicizzate della musica pop: in There Must Be More Than This, ad esempio, ricorda l`epica della Grace Slick dei tempi d`oro e Hail Animal somiglia vagamente a The Sage di Greg Lake. Per quanto concerne lo specifico tecnico delle canzoni la cosa che più colpisce è l`uso ostentato dei suoni vibrati, un elemento in grado di accentuarne la componente lisergica.
Gemma Ray è meno tronfia di Anna Calvi ma, al contempo, non possiede la forza coinvolgente di PJ Harvey, tanto per accostarla a due autrici sue contemporanee che sono sulla bocca di tutti (o quasi).
Se non vi piacciono le certezze correte pure a comprare “The Exodus Suite” ma, nel caso viviate in un vostro mondo dai confini ben definiti e privi di sbavature, restatevene pure ancorati alle solite voci note e preconfezionate. Cazzi vostri.
L`edizione in CD di "The Exodus Suite" contiene il singolo “The Calderas” (Come Caldera e Caldera, Caldera!) che nell`edizione in vinile viene allegato in veste di 7 pollici omaggio.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 15/4/2017
  Torna al Menù Principale
 Archivio dell'anno 2017 ...

`Cartridge Music (musica per testina)´ // `Nassau 1713´  

`Sensorium´  

`Drowning In Wood´  

`Malo´ // `Sacrée Obsession´  

`Veiled´  

`Dimensioni´ // `Parallelo´  

`Live At La Resistenza´  

`Spannung´  

`Flawless Dust´ // `Scenes From A Trialogue´  

`Črne Vode / Black Waters / Schwarze Wasser´ // `Let Them Grow´  

`ﺭﺍﺩﻳﻮ ﺇﺯﺩﺍﻍ´ // `Es Prohibido Cantar´  

`Pow´  

`Place´  

`Carrion, My Wayward Son ...´  

`Maledetta Dopamina´  

`Uno Todo Tres´  

`The Galilean Moons´  

`Dancing Trees´  

`Il Ballo dell`Orso´  

`Reverse Camouflage´  

`For Arthur Doyle´ // `Osing Trance - Musik Patrol´  

`Tape Crash #12´  

`Offshore Zone´  

`Andante Plumbeo´  

`Volume 3´  

`Kali Yuga´ // `Le filtre à sons - Vol. 1´  

`Reliquies´  

`Unbehagen´  

`D`ora stella´  

`Zero Brane´  

`Witch´ // `The Golden Calf´ // `Il vespaio´  

`New York City´ // `Gaycre (2)´ // `Demain, c`est Paris-Roubaix´  

`Alegrìas y duelos de mi alma´  

`Silent People´  

`Circles Of Upper And Lower Hell´  

`A Tree, At Night´ // `Prima del terzo´ // `Heavy Nichel´ // `Taken From A True Story´  

`Honey Ant Dreaming´ // `Reverie´ // `Warm Glow´ // `Bliss´  

`Calce´ // `5 Haiku´  

`The Exodus Suite´  

`A Beat Of A Sad Heart´  

`Chamber Rites´  

`Numen - Life Of Elitra Lipozi´  

`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´  

`Zurich Concerts (15 Years Of Kontrabassduo Studer-Frey)´  

`Tape Crash 14´ // `Tape Crash 15´  

` ncora´  

`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´  

`Chi va piano va già troppo veoce (Sulla lentezza del bradipo)´  

`Hoverload´ // `{}´  

`Arpe Eolie´ // `Ragionamenti musicali in forma di dialogo: X e XII´  

`Ho perso la testa´ // `Musica per autoambulanze´  

`The Stabbing´ // `Acephale´ // `in Fin dei Corpi´  

`Autotrophy´  

`Farfalle e Falene´  

`Eagle Prayer´  

`Méthodologie Contextuelle´ // `Sequenze per raffigurazioni mentali #1´  

`Creatura´  

`City Of Vorticity´  

`Vostok´  

`Appartamento in centro´  

`KIKEΩN´  

`Primio´  

`Examination Of The Eye Of A Horse´  

`Bad Habits´  

`Hypno-pop´  

`Dieci´ // `La porta stretta´  

`Fabuloseries´  

`Awake´  

`Way´  

`Apnea´  

`Rumore austero´ // `Sitcom Koan´ // `Maps And Mazes´  

`Beyond Time´  

`Zentuary´ // `Pasar Klewer´  

`Silentium´  

`Prossime trascendenze´  

`Live Spomen Dom´  

`The White Side, The Black Side´  

`Variazioni Gracchus´  

`The Miracles Of Only One Thing´  

`Become Zero´  

`Right Error´  

`Traum´  

`Re-Birth´  

`Le nove ombre del caos´  

`Les Ravageurs´  

`Falling Apart´  

`Coriandoli´  

`Divus´  

`Learn To Live´  

`Il De` Blues´ // `Sì´  

`Menhir´  

`Un incubo stupendo´