`NorN´

Autore disco:

Vonneumann

Etichetta:

Ammiratore Omonimo Records, Retroazione compagnie Fonografiche (I)

Link:

www.vonneumann.net

Formato:

LP, CD, D

Anno di Pubblicazione:

2018

Titoli:

1) bassodromo 2) antiEuclid 3) impossibile essere possibile 4) DKSG 5) humanoide 6) SOAOD 7) DwORD 8) antiReprise

Durata:

45:40

Con:

Vonneumann (Toni, Filippo, Fabio) + Lucio Leoni, Ivan Antonio Rossi, Andrea Cerrato, Vera Burghignoli, Sonia Scialanca, Marco Tabellini

impossibile essere possibili

x mario biserni (no ©)

Il matrimonio fra i King Crimson, quelli delle allodole, e Captain Beefheart, quello delle trote, celebrato da padre James Brown all’interno di un tempio ubuista. Su come sia possibile conciliare la visione scientificamente certosina di Robert Fripp e quella spudoratamente anarchica di Don Van Vliet, i Vonneumann stessi rispondono con un impossibile essere possibile. La loro è una No Wave che sta giustappunto al centro fra Pop Group, Minutemen e Talking Heads. Il gruppo più no del panorama musicale italiano non poteva che sfociare fra le braccia del movimento musicale più no mai esistito nella musica rock. Comunque in movimento e pronti a smentire se stessi, come nei due brani in cui aprono all’utilizzo delle voci, con un vero e proprio testo da hip-hopper nevrotici in impossibile essere possibile (alla voce Lucio Leoni) e con vocalizzi celestiali uso morricone in acido in SOAOD (alla voce Vera Burghignoli). Ed ecco così infranto anche l’ultimo tabù, quello che li racchiudeva in una musica strumentale priva di testi e di voci. I Vonneumann prendono il nome dal matematico ungherese John von Neumann, ma pure il loro concetto di matematica appare scompaginato. Nella loro musica non esiste mai la quadratura del cerchio, il quadrato stesso non ha mai quattro lati, due + due non fa mai quattro e le linee rette collidono a due passi dal portone di casa. Mai e No sono quindi le parole chiave. Impossibile essere possibili.
Intervista con i Vonneumann (qui: intervista vonneumann).


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 5/8/2018

`Gratitude´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Vostra Signora Del Rumore Rosa´  

`777+2 Per Aspera Ad Astra´  

`Emblema´  

`Tajaliyat´  

`Moondrive´  

`Collected Wreckages´ // `Shallow Nothingness In Molten Skies´ // `Blind Tarots´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´  

`Maledette rockstar´  

`Exuvia´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´