`Meccanismi e desideri semplici´

Autore disco:

Devocka

Etichetta:

Dimora Records (I)

Link:

www.dimorarecords.it

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2018

Titoli:

1) Storia senza nome 2) Bestemmia 3) Maledetto 4) Lezione a memoria 5) Questa distinzione 6) Un bacio cieco e interminabile 7) Siamo già finiti 8) Nel vortice 9) Ultimatum di un errore 10) L’apice del masochismo 11) L’imbecille

Durata:

42:59

Con:

Igor Tosi, Matteo Guandalini, Alessandro Graziadei, Ivan Mantovani (segnalazione per Stefano Selvatici che suona la chitarra nei concerti successivi alla pubblicazione del disco)

bel disco, anche se non particolarmente originale

x mario biserni (no ©)

I Devocka, nome mutuato da “Arancia meccanica”, vengono da lontano, si formarono infatti nel remoto 2003, ma da ben sei anni erano assenti dal mercato discografico dopo aver pubblicato su marchi importanti come “Compagnia Nuove Indye” e “I Dischi del Minollo”. Solitamente lunghe assenze di questa portata preludono a grandi cambiamenti, e di formazione e di stile, ma in realtà l’unico avvicendamento è quello di Alessandro Graziadei che sostituisce Francesco Bonini al basso. Casomai si avverte l’inserimento delle drum machine, a rafforzare l’azione del batterista Ivan Mantovani, e un utilizzo più marcato del synth. Stilisticamente il gruppo pare ancora ben ancorato al noise originario, ben irrorato da venature punk, seppure gli aspetti più virulenti abbiano lasciato in buona parte spazio a soluzioni più morbose. La voce, soprattutto, tende a chetarsi per abbracciare un semirecitato ebbro e febbrile alla Succi. Solo piccoli aggiustamenti di tiro, quindi, che però assolvono al compito di rinnovare e attualizzare il suono del gruppo senza peraltro correre il rischio di deludere i vecchi fan. “Meccanismi e desideri semplici” è un disco che, pur non essendo particolarmente originale, si fa ascolare con piacere e interesse.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 22/6/2018

`Humyth´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´  

`Maledette rockstar´  

`Exuvia´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Magic Pandemonio´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´  

`Hide & Squeak´  

`Neve´  

`Kintsugi´  

`Tell No Lies´  

`Cronache carsiche´  

`Piccola Orchestra Artigianale degli Improvvisatori di Valdapozzo´  

`Cascata´ // `Plancton´  

`Lighthouse´  

`Hawkward´  

`Innlaandds´  

`Francesco Serra´  

`Homo Ebetis´