`Vegir´

Autore disco:

Dominique Vantomme

Etichetta:

Moonjune Records (USA)

Link:

www.moonjune.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2018

Titoli:

1) Double Down 2) Equal Minds 3) Sizzurp 4) Playing Chess With Barney Rubble 5) The Self Licking Ice-cream Cone 6) Plutocracy 7) Agent Orange 8) Emmetropia 9) Odin's Wig

Durata:

76:10

Con:

Tony Levin, Maxime Lenssens, Michel Delville, Dominique Vantomme

per i non allergici …

x mario biserni (no ©)

L’etichetta prende il nome da uno storico pezzo dei Soft Machine ma non credo che nelle intensioni del buon Wyatt, che ideò quel pezzo, ci fosse questo mal di dio. Dietro a un immaginario vagamente metallaro si nasconde un tastierista belga che batte la bandiera di un prog-jazz-rock sentito e risentito, saputo e risaputo ma che, forse proprio per questo, continua ad avere un suo pubblico. Velocità esecutiva, tecnicismi ben in vista, alta tecnologia, scale e contro scale. “Vegir”, se non siete allergici a tutto ciò, è un buon disco e Tony Levin rappresenta pur sempre una garanzia.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 2/5/2018

`Gratitude´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Vostra Signora Del Rumore Rosa´  

`777+2 Per Aspera Ad Astra´  

`Emblema´  

`Tajaliyat´  

`Moondrive´  

`Collected Wreckages´ // `Shallow Nothingness In Molten Skies´ // `Blind Tarots´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´  

`Maledette rockstar´  

`Exuvia´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´