`AB+´

Autore disco:

Cold Voodoo

Etichetta:

Wide Ear Records (CH)

Link:

www.wideearrecords.ch/

Formato:

MC, D

Anno di Pubblicazione:

2018

Titoli:

1) A+ 2) B+

Durata:

30:25

Con:

Tobias Meier, Silvan Jeger

low-free doc

x mario biserni (no ©)

Sostenere che il jazz svizzero è sempre ad alti livelli non sarebbe veritiero, mi sono imbattuto infatti in più d’una occasione in dischi jazz provenienti dal piccolo paese d’oltralpe che erano autentiche boiate, cionondimeno è vero che alle falde delle alpi svizzere nascono e si sviluppano alcuni progetti estremamente interessanti e anche che è possibile assistere a un vivace ricambio generazionale. Per quanto riguarda la prima affermazione posso fare nomi storici come Pierre Favre e Irene Schweizer e quelli più recenti di Christoph Gallio, Daniel Studer e altri dei quali s’è scritto in sands-zine. Il contrabbassista Silvan Jeger, già incontrato in formazioni quali Day & Taxi e This Difficult Tree, e il sassofonista Tobias Meier, coinvolto anche nella gestione della Wide Ear Records, hanno rispettivamente 33 e 34 anni, rappresentando così le nuove generazioni dei jazzisti elvetici. “AB+” propone una formula piuttosto originale, i duelli contrabbasso-sax non sono poi così numerosi, dove la citazione d’obbligo va ai duetti fra Dave Holland e Sam Rivers, seppure Meier suoni l’alto e non il tenore o il soprano. Anche il suono del sax, fra il torrido e lo straziante, fa pensare più a tenoristi come Ayler e Brötzmann (lato B) o ancor più, soprattutto nei momenti più delicati e discorsivi, al soprano di Steve Lacy (lato A). Per quanto riguarda il contrabbasso di Jeger pare invece obbligatoria la citazione dei gemelli Dave Holland e Barre Phillips. La scelta della produzione su musicassetta lascia intendere di due anime nate e cresciute in mezzo a moltitudini di provata fede punk e/o lo-fi. È così, in mezzo a tutto questo, che vive Cold Voodoo. Se la cosa vi alluzza non dovete far altro che allungare la mano.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 12/4/2018

`Gratitude´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Vostra Signora Del Rumore Rosa´  

`777+2 Per Aspera Ad Astra´  

`Emblema´  

`Tajaliyat´  

`Moondrive´  

`Collected Wreckages´ // `Shallow Nothingness In Molten Skies´ // `Blind Tarots´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´  

`Maledette rockstar´  

`Exuvia´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´