`Food Foragers´

Autore disco:

Mark Lotz & Alan Purves

Etichetta:

Unit Records (CH)

Link:

unitrecords.com/de
www.sands-zine.com/recensioni.php?IDrec=2152
www.sands-zine.com/archiviorec.php?IDrec=1881

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2018

Titoli:

1) Abu In The Sky 2) Hog Time 3) Echoes Of A Life Hereafter 4) Piepkuiken (For Hermeto) 5) Petal Of A Rose 6) Endurance 7) Ice Breath 8) Kingfisher 9) Back Scratcher 10) River 11) Belly Buttons 12) Food Foragers 13) Hanging Out 14) Lullaby For Time 15) I’m So Sorry Blues

Durata:

55:30

Con:

Mark Lotz, Alan Purves

terzomondiismi flautati, giocosi, giocattolosi … e divertenti

x mario biserni (no ©)

Da una parte un giocoliere con i flauti, dall’altra un giocoliere con le percussioni (e con altri toys), e nel mezzo un disco particolarmente divertente. Mark Lotz e Alan Purves sono musicisti seri che riescono anche a non prendersi troppo sul serio, ovvero con estrema ironia. Giocolieri dei suoni, per l’appunto, adattabili a una sala da concerto come a una fiera. Quello che più stupisce è una sobrietà che parrebbe contrastare con il numero di aggeggi utilizzati e, di conseguenza, con una ricchezza complessiva in suoni che trova pochi eguali. In secondo luogo a stupire è il fatto che due musicisti di estrazione colta, molto colta, in definitiva suonino stradaioli quanto una Backstreet Girl degli Stones. Nei momenti più afro i due finiscono per ricordare anche i “Mu” di Don Cherry ed Ed Blackwell o i duetti fra Joseph Jarman e Don Moye. I brani in buona parte sono firmati da entrambi i musicisti, ad esclusione di Piepkuiken, Back Scratcher e Endurance attribuiti al solo Lotz (l’ultimo titolo è ispirato dalle Children’s Songs di Chick Corea). Ci sono anche due melodie tradizionali del Mali, Abu In The Sky e Belly Buttons, oltre a una ripresa della ellingtoniana The Single Petal Of A Rose. Molto accurata la confezione con riportati, brano per brano, tutti gli strumenti utilizzati. Comincio a credere che i nomi di Lotz e Purves rappresentano una garanzia.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 10/4/2018

`Humyth´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´  

`Maledette rockstar´  

`Exuvia´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Magic Pandemonio´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´  

`Hide & Squeak´  

`Neve´  

`Kintsugi´  

`Tell No Lies´  

`Cronache carsiche´  

`Piccola Orchestra Artigianale degli Improvvisatori di Valdapozzo´  

`Cascata´ // `Plancton´  

`Lighthouse´  

`Hawkward´  

`Innlaandds´  

`Francesco Serra´  

`Homo Ebetis´