`Disappearing´

Autore disco:

Adriano Zanni

Etichetta:

Boring Machines (I)

Link:

boringmachines.it

Formato:

LP

Anno di Pubblicazione:

2017

Titoli:

1) Dreams And Falling Trees 2) About The End, Without Beginning 3) What Is Left 4) In The Distance 5) Disappearing (The Last Trip)

Durata:

39:38

Con:

Adriano Zanni, Alessandro Calbucci

lo zanni perde il punck ma non il vizio

x mario biserni (no ©)

È suggestivo fin dalle immagini della confezione questo primo lavoro sulla lunga distanza pubblicato da Adriano Zanni senza il classico moniker che lo ha accompagnato per anni e lo ha fatto conoscere presso gli appassionati delle musiche elettroniche e/o elettroacustiche (Punck). D’altronde la connessione fra la musica e le immagini è ormai diventato un tratto distintivo dello Zanni, tanto che il suo ultimo CD pubblicato a nome Punck - “Piallassa (Red Desert Chronicles)” del 2008 – faceva pendant con il box “Red Desert Chronicles (Postcards from Ravenna)” contenente 61 immagini in bianco e nero formato cartolina. La manualità nel riprendere, trattare e tramare registrazioni naturali e procurate ha raggiunto oggi un livello esemplare, e il disco apre questa fase del dopo-punck in maniera eccellente, ponendosi anche al di sopra dei momenti migliori che avevano caratterizzato il periodo precedente. È da attribuire proprio a questa manualità più spigliata, oltreché a una gestione più oculata delle risorse, la riuscita piena di questi cinque pezzi. Col senno del poi va infatti sottolineato come la frenesia giovanile abbia portato il musicista, insieme a quasi tutti quelli della sua generazione, a eccedere in pubblicazioni, dando largo spazio alla divulgazione delle idee a discapito delle indispensabili elaborazioni e rifiniture, senza le quali ogni musica termina per essere una ripetitiva anarchy in the world. Lo stesso Lydon dopo la prima fiaccolata ebbe necessità dei più meditati Public Image Ltd., e non è un caso se oggi sono questi ultimi ad essere i più ricordati. Per tali motivi e circostanze “Disappearing” è talmente equilibrato nelle sue componenti – elettronica industrial, colonna sonora, musica concreta – da rasentare la perfezione. Un mix di atmosfere brumose e malinconiche, che uno sfondo futurista e noir non lascia mai precipitare nell’affettato e nel piagnucoloso, dettate da un corollario di suoni magicamente evocativi. Da segnalare la comparsa in In The Distance, alla chitarra e missaggio, dell’ex batterista dei Sedia Alessandro Calbucci.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 1/4/2018

`Gratitude´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Vostra Signora Del Rumore Rosa´  

`777+2 Per Aspera Ad Astra´  

`Emblema´  

`Tajaliyat´  

`Moondrive´  

`Collected Wreckages´ // `Shallow Nothingness In Molten Skies´ // `Blind Tarots´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´  

`Maledette rockstar´  

`Exuvia´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´