`Homo Ebetis´

Autore disco:

FatSoul

Etichetta:

Dischi Bervisti (I)

Link:

www.facebook.com/FatSoulBandX

Email:

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2017

Titoli:

1) Oshoneck 2) Ave Seitan 3) Sthercules 4) Homo Ebetis 5) Honey 6) Karaotene 7) Hamebus Papa 8) Intro

Durata:

28:25

Con:

Mattia Maschio, Marco Maschio, Alberto De Grandis, Erik Ursich

frenesia pfunk-rock

x mino gary bald (no ©)

Chi sono i padovani FatSoul?

1ª ipotesi: sono i figliocci muti dei Primus.

2ª ipotesi: sono un power trio come i Grand Funk che suona un rock strumentale come i Don Caballero alla velocità dei Bad Brains.

3ª ipotesi: sono una misticanza fra Allman Brothers Band, Motörhead e James Brown nascosta dietro un immaginario alla Devo che crede in una non improbabile involuzione della specie umana (non è per una semplice bizzarria che il disco termina con la Intro).

4ª ipotesi: sono la fusione di tre anime gemelle – il batterista Mattia Maschio, il bassista Marco Maschio e il batterista Alberto De Grandis, Erik Ursich è solo un amico che offre un aiuto elettronico – che hanno deciso di sfogare la loro frenesia in musica.

Una cosa è comunque chiara, ed è il perché la Dischi Bervisti ha deciso di pubblicare il loro CD d’esordio.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 18/12/2017

`Humyth´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´  

`Maledette rockstar´  

`Exuvia´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Magic Pandemonio´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´  

`Hide & Squeak´  

`Neve´  

`Kintsugi´  

`Tell No Lies´  

`Cronache carsiche´  

`Piccola Orchestra Artigianale degli Improvvisatori di Valdapozzo´  

`Cascata´ // `Plancton´  

`Lighthouse´  

`Hawkward´  

`Innlaandds´  

`Francesco Serra´  

`Homo Ebetis´